Cose da visitare a Roma gratis: i 6 luoghi d’attrazione

Cosa visitare a Roma gratis: ecco la nostra piccola guida alle 6 attrazioni turistiche dove non spenderai un euro. Pronto a scoprirle tutte?


Ci sono città, nel mondo, in cui le strade chiamano passeggiate infinite. Una di queste è senza dubbio Roma, la nostra splendida, eterna, capitale. Stai progettando un weekend low cost a Roma, o semplicemente vorresti goderti al massimo il suo clima invidiabile? Tra le cose da visitare a Roma gratis non puoi perderti questi nostri suggerimenti!

Camminare per le strade di Roma e del suo ricchissimo centro storico è un’esperienza che da sola vale la visita. L’intera città a dire il vero, è costellata di meraviglie e monumenti meravigliosi e alcuna te le abbiamo presentate in questo articolo precedente. Passeggiare su una vera e propria macchina del tempo non ha prezzo. Così come non hanno un prezzo molte dei monumenti che ti può capitare di incrociare, dove non è richiesto alcun biglietto.

Parliamo di giardini, chiese, persino musei dove potrai girare liberamente. Se ti abbiamo incuriosito abbastanza mettiti comodo e preparati, quante storie pensi di riuscire ad ascoltare? A Roma ogni sampietrino potrebbe raccontarti la sua. Noi intanto stiamo per offrirti un tour originale ed entusiasmante delle cose da visitare a Roma gratis. 


Monumenti Roma: il Circo Massimo

Avresti mai pensato di trovare proprio il Circo Massimo tra i primi monumenti romani gratuiti proposti qui? No? Forse perché quasi nessuno pensa al Circo Massimo come a un monumento. Eppure non è semplicemente uno strano parco su cui passeggiare. Il Circo Massimo è in realtà una testimonianza importante della civiltà romana. La sua storia inizia sotto la reggenza di Tarquinio Prisco, che per primo ha voluto in questa sede un luogo per i giochi e le corse di cavalli. La scelta del luogo pare sia legata al ratto delle sabine, episodio cruciale della storia romana, che secondo le testimonianze sarebbe avvenuto proprio qui.

Pensando a cosa visitare a Roma gratuitamente, un passeggiata al Circo Massimo non può mancare. Con un po' di cognizione di causa però, e quindi ecco un po' di cenni storici. Il Circo Massimo è considerato la più grande struttura per spettacoli del mondo. Lungo 600 metri per 140, è nato per ospitare i Ludi Romani , 15 giorni di corse di carri e sfilate militari, in onore di Giove. Lo stadio poteva ospitare fino a 250.000 persone e, nei secoli, sono moltissimi gli spettacoli che si sono svolti nel Circo Massimo. Tante sono anche le modifiche architettoniche che si sono susseguite. Da semplice anello di terra, a stadio in legno, fino ad arrivare a un trionfo di pietra e marmo sotto l'imperatore Traiano.



Il tifo al tempo dei Romani

Dunque cosa fare a Roma? Il tifo come gli ultras per esempio! Se dei fasti dell'epoca purtroppo non ci resta molto da vedere, delle abitudini ci è rimasta un'eredità importante. Già all'epoca infatti giochi e corridori avevano i loro supporters. I tifosi erano soliti dividersi secondo i colori della squadra, e si accaloravano cantando motti e cori d'incitamento. Ti ricorda qualcosa?



Cosa visitare a Roma: Piazza Navona

Tra le migliaia di attrazioni gratuite di Roma, Piazza Navona è tra le più suggestive. È la più bella e ricca delle piazze barocche, ma la sua storia inizia molto tempo prima. La piazza attuale occupa infatti la pista di quello che era lo stadio di Domiziano. Costruito intorno all' 86 d.C. per ospitare i giochi atletici greci, si è poi evoluto nei secoli. I resti dello stadio sono ancora visibili a Piazza di Tor Sanguigna.

Tra i tanti interventi architettonici e urbanistici i più significativi sono stati quelli della famiglia Pamphilj. Sono infatti Papa Innocenzo X (Giovanni Battista Pamphilj) e sua cognata, Donna Olimpia Maidalchini Pamphilj, i mecenati che hanno reso piazza Navona la meraviglia che vediamo oggi.

Tra le cose da visitare a Roma gratis, Piazza Navona e la fontana dei Quattro i Fiumi sono in cima alle nostre proposte. La meravigliosa fontana è stata progettata da Gian Lorenzo Bernini e rappresenta i quattro grandi fiumi conosciuti all'epoca: Il Nilo, il Cange, il Danubio e il Rio della Plata. Difronte alla fontana si erge la chiesa si Sant'Agnese in Agone, capolavoro del Borromini. La leggenda vorrebbe che il braccio alzato sulla testa del Rio della Plata fosse uno sfottò del Bernini al suo acerrimo nemico Borromini. In realtà la fontana è stata ultimata ben prima dell'inizio dei lavori della chiesa, ma questa rivalità artistica ci fa sempre sorridere.

Alle due estremità della "pista" troverai altre due fontane monumentali, la fontana del Nettuno e la Fontana del Moro. Alle spalle di quest'ultima c'è un enorme palazzo che oggi, in parte, ospita l'ambasciata del Brasile. È Palazzo Pamphilj, il primo grande intervento architettonico del Cardinale Pamphilj, quello che ha dato il via alla realizzazione della piazza così come la puoi ammirare oggi.



Curiosità: il lago di Piazza Navona

Il caldo di Roma può essere davvero insopportabile. Lo sapeva bene Papa Innocenzo X che nel 1652 ha dato il via ad una curiosa consuetudine. Ogni sabato e domenica di agosto infatti, per quasi due secoli, Piazza Navona è stata allagata facendo debordare l'acqua delle fontane. La forma concava del suolo privo di pavimentazione permetteva all'acqua di raggiungere i 50 cm di altezza. Non proprio un abisso, ma abbastanza per scatenare la fantasia dei romani!



Monumenti Roma: Fontana di Trevi

Sei un'amante del grande cinema italiano? Allora ti sarà bastato il titolo per avere chiara in mente la meravigliosa fontana teatro di una delle scene più famose di sempre. Mi raccomando però, non ti venisse in mente di imitare Marcello Mastroianni! Il tuo weekend potrebbe finire decisamente al fresco. E non parliamo dell'acqua di Fontana di Trevi.

Come quasi tutto ciò che vediamo a Roma, anche Fontana di Trevi è il risultato di innumerevoli modifiche. Tutto inizia con Marco Vipsanio Agrippa che nel 19 a.C. porta a Roma l'Acqua Vergine con un acquedotto che è ancora operativo. Il primo progetto monumentale risale alla prima metà del 1400. Da allora, per oltre tre secoli, tutti i più grandi architetti e scultori dell'epoca vi hanno messo mano. Leon Battista Alberti, Gian Lorenzo Bernini, Borromini, Vanvitelli, e Salvi, che è riconosciuto come l'autore della fontana come la vediamo oggi. 

Tra le cose da visitare a Roma gratis, Fontana di Trevi è un dono bellissimo. Palazzo Poli fa da fondale alla fontana, che oggi si presenta come una grande vasca rettangolare. Una scogliera appena abbozzata nel marmo fa da base al complesso di statue. Al centro c'è il dio Oceano intento a salire su un carro a forma di conchiglia. Il carro è trainato da due cavalli, "Placido" e "Agitato", come i moti del mare. Nelle nicchie laterali troviamo altre due statue. A destra la Salubrità intesa come purezza dell'acqua Vergine, priva di calcare, e a sinistra l'Abbondanza o Fertilità, rappresentate dalla cornucopia, molto cara ai romani.



L'asso di coppe a Fontana di Trevi

Roma è piena di storie nelle storie, e qui te ne regaliamo una che di certo ti farà sorridere. Sembra che durante i lavori del Salvi ci fosse un negoziante non proprio felice del progetto. L'architetto decise di ovviare alle lamentele mettendo una statua in corrispondenza della bottega del brontolone, così da oscurargli la visuale. Questa statua, che rappresenta un'anfora, ricorda moltissimo l'Asso di Coppe ed è proprio così che da allora la chiamano i romani.



Cosa fare a Roma: sbirciare dal buco della serratura dell'Occhio di Roma

Tra le tappe gratuite di Roma questa è la più veloce ma anche una di quelle che ti faranno esclamare "WOW". In piazza dei Cavalieri di Malta, sul colle Aventino, si affaccia il portone d'ingresso alla proprietà del Gran Priorato dell'Ordine. Quando il portone è chiuso, guardando nel buco della serratura - chiamato appunto Occhio di Roma- vedrai la maestà der cuppolone: la cupola di S. Pietro. 

Questo momento di puro stupore infantile è possibile grazie a una magia prospettica. Sbirciando nel buco della serratura infatti, vedrai S. Pietro incorniciata da un viale alberato. E' proprio quello, potato a dovere, che rende possibile l'incantesimo.



Il Giardino degli Aranci, una pausa romantica in città

A due passi dall'Occhio di Roma c'è un angolo di pace amatissimo dai romani: il Giardino degli Aranci. Il parco sorge su una vecchia fortificazione di cui rimangono le mura, che oggi cingono il giardino, e alcuni sotteranei. In un tratto delle mura sono ancora visibili i segni di torri e ponte levatoio. L'attuale Giardino degli aranci risale a un progetto del 1932 pensato proprio per valorizzare lo splendido belvedere. 

Dovendo scegliere le cose da visitare a Roma gratis il Giardino degli Aranci non può mancare. Il colpo d'occhio che si ha entrando è di quelli da togliere il fiato. Il viale centrale ti regala da subito lo sfondo perfetto per una passeggiata romantica. Il nostro consiglio è di andarci al tramonto, evitando -se puoi - gli affollati weekend.



Gli aranci di San Domenico

Il giardino deve il suo nome agli alberi d'agrumi che lo popolano. Sono stati piantati in ricordo di San Domenico, che per primo avrebbe portato le arance in Italia. Era solito predicare proprio sotto uno di questi alberi e il suo arancio, il primo, sembra essere miracolosamente sopravvissuto fino a noi. Accudito meticolosamente dai frati della vicina Basilica di Santa Sabina, oggi è visibile da una fessura delle mura del Giardino degli Aranci.



Cosa visitare a Roma: il Ghetto ebraico

Il Ghetto ebraico di Roma è un piccolo quartiere denso di storia e costume romano. È il secondo più antico d'Italia, fu istituito infatti nel 1555 da Papa Paolo IV. Già allora gli abitanti avevano l'obbligo di risiedervi e di indossare sempre un segno distintivo. Inoltre avevano il divieto di possedere dei beni e fare commercio. Nel corso degli anni è stato più volte chiuso e riaperto, fino alla dismissione definitiva nel 1870 con la Breccia di Porta Pia. Fu proprio dopo la Breccia che si iniziò anche la costruzione del Tempio Maggiore, la maestosa sinagoga di Roma. 

Il 16 ottobre del 1943, in piena Seconda Guerra Mondiale, è stato il teatro del più devastante rastrellamento della storia. In memoria delle vittime che non hanno mai fatto ritorno sono state poste, negli anni, diverse pietre d'inciampo. Sono dei sampietrini rivestiti d'ottone con incisi nomi e cognomi dei deportati uccisi, e ci ricordano tra un passo e l'altro, l'importanza del ricordo .

Il Ghetto di Roma racchiude in sè migliaia di anni di storia ed è una delle cose da visitare a Roma gratis più affascinanti.  Uno dei punti di maggiore impatto è sicuramente quel che resta del Portico di Ottavia. Un porticato che Augusto dedicò alla sorella, che inglobava all'epoca il tempio Giunone e che è stato poi a sua volta compreso nella Chiesa di Sant'Angelo in pescheria. La chiese deve il suo nome all'antico mercato del pesce che - per decenni- aveva luogo proprio negli ambienti del porticato. Un'altra vera perla del Ghetto è la Fontana delle Tartarughe di Gian Lorenzo Bernini.



Mangiare al Ghetto: una passeggiata gourmet

Andare a passeggio nel ghetto ti permetterà di attraversare la storia ma viaggiare nel tempo mette una gran fame, lo sai? Noi abbiamo una buona notizia per te. La cucina romano-giudaica è uno dei pilastri della gastronomia romana. Avrai solo l'imbarazzo della scelta tra trattorie e ristoranti gourmet, ma se vuoi un'esperienza davvero local ascolta il nostro consiglio. 

Dopo pranzo raggiungi il Forno Boccione:  è un locale piccolo e un po' datato, all'angolo con via del Portico d'Ottavia. Non farti scoraggiare se trovi un po' di fila, credici ne vale la pena. È un'antico forno tutto al femminile, le ricette sono segrete ma la bontà dei loro dolci proprio no. Noi ti consigliamo l'iconica torta ricotta e visciole, ma tu scegli pure ciò che ti ispira di più!



Camminare nella storia: il Museo delle Mura

Non sono in tanti a saperlo ma Roma, nella sua incredibile offerta turistica, ha anche un piccolo circuito di musei comunali gratuiti. Il nostro preferito è il Museo delle Mura a Porta San Sebastiano. 

Come tutto quello di cui ti abbiamo parlato fin qui, anche Porta San Sebastiano e gli ambienti che ospitano il museo, sono il risultato di anni e anni di interventi. Il museo, aperto nel 1990, ha un spirito fortemente didattico. All'intero delle sale è possibile scoprire tutto quello che c'è da sapere sulle Mura Aureliane, il più grande monumento di Roma. 

Le Mura Aureliane sono state costruite per volere dell'imperatore Aureliano tra il 270 e il 275 d.C. per difendersi dai continui attacchi dei barbari. All'epoca della realizzazione la cinta muraria era lunga circa 19 chilometri, oggi ne rimangono più o meno conservati 12. Lungo la fortificazione, alta circa 6 metri, si aprivano 14 porte d'ingresso alla città, 383 torrioni e porte secondarie. 

Tra le cose da visitare a Roma gratis il Museo delle Mura merita una visita perché ti permette di fare un'esperienza unica nel suo genere. Potrai infatti passeggiare sul camminamento che una volta utilizzavano i soldati. Il tratto aperto al pubblico è lungo bel 350 metri, ed è composto da una galleria coperta lungo la quale si incontrano 10 torri. Il camminamento prosegue poi in alto, con un tratto scoperto protetto da merli.



Roma gratuita: l'imbarazzo della scelta

La scelta di attrazioni gratuite a Roma è davvero infinita, ma non volevamo correre il rischio di annoiarti. No dai, scherziamo! La verità è che non vogliamo toglierti il gusto di scoprire qualcosa da solo! Non c'è niente di più entusiasmante e romantico di scoprire uno scorcio mai visto prima così, per puro caso. E Roma è davvero piena di angoli tutti da scoprire.

Speriamo davvero che questo articolo ti sia utile per creare il tuo itinerario romano. Se è così faccelo sapere, saremo felici di averti regalato qualche ora speciale nella città più bella del mondo.


Like it? Share with your friends!

548
548 points

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

What's Your Reaction?

hate hate
0
hate
confused confused
0
confused
fail fail
0
fail
fun fun
0
fun
geeky geeky
0
geeky
love love
0
love
lol lol
0
lol
omg omg
0
omg
Choose A Format
Personality quiz
Series of questions that intends to reveal something about the personality
Trivia quiz
Series of questions with right and wrong answers that intends to check knowledge
Poll
Voting to make decisions or determine opinions
Story
Formatted Text with Embeds and Visuals
List
The Classic Internet Listicles
Countdown
The Classic Internet Countdowns
Open List
Submit your own item and vote up for the best submission
Ranked List
Upvote or downvote to decide the best list item
Meme
Upload your own images to make custom memes
Video
Youtube and Vimeo Embeds
Audio
Soundcloud or Mixcloud Embeds
Image
Photo or GIF
Gif
GIF format