Cosa vedere a Matera: la famosa città dei Sassi

Cosa vedere a Matera oltre le caratteristiche dimore rupestri del centro storico? Ecco i siti di interesse e le attività da non perdere.


Cosa vedere a Matera oltre ai mitici Sassi? Gli antichissimi insediamenti rupestri sono ciò che rende la città famosa a livello internazionale. Il sito è infatti Patrimonio Mondiale Unesco dal 1993. Sul “caminetto dei trofei” c’è inoltre il prestigioso titolo di Capitale Europea della Cultura 2019. 

Nel dettaglio si tratta dei due quartieri originari composti da abitazioni scavate nella roccia di tufo. Il rione Barisano si chiama così perché orientato verso la città di Bari. Quello Caveoso deve il suo nome al borgo medievale di Montescaglioso (Mons Caveous). Che avranno poi di così speciale? 

Per cominciare c’è una miriade di suggestivi scorci, spettacolari grotte e affascinanti cunicoli sotterranei. Il tutto rappresenta una testimonianza reale di come le persone vivevano circa 10mila anni fa. È in pratica la più efficace dimostrazione di architettura integrata nel proprio ecosistema

Per finire, grazie ai provvedimenti e interventi di riqualificazione post anni ’70, la zona è ricca di pittoreschi negozietti e botteghe artigianali. Si gira liberamente esplorando viottoli e stradine con sullo sfondo un paesaggio mozzafiato. Meglio però avvalersi di una guida per ottimizzare il tempo. 

Ci sono tuttavia molte altre valide ragioni per visitare il capoluogo lucano. Sei curioso? Ottimo, qui troverai le informazioni più utili per scoprire tutti i luoghi di interesse e le attività da non perdere. Qual’era la domanda? Ah già, cosa vedere a Matera giusto? Fai conto di sapere già la risposta.

Cosa vedere a Matera: oltre ai Sassi c’è di più

In quanto a monumenti Matera offre davvero l’imbarazzo della scelta. Ecco quindi la nostra top 5:

Cripta del Peccato Originale. A 10 km dal centro c’è questa magnifica chiesa-grotta, famosa per gli affreschi risalenti al IX secolo. Definita la Cappella Sistina della pittura murale, ospita nel dettaglio dipinti che ritraggono scene del Vecchio e del Nuovo Testamento. Fino al restauro del 1963 i pastori locali la usavano come semplice ricovero per gli animali. Davvero incredibile vero? 

La Cattedrale di Matera. Intitolata a Sant’Eustachio e alla Madonna della Bruna, domina la città dall’alto della Civita. Si affaccia infatti su entrambi i Sassi ed è il centro della vita religiosa per la comunità materano-irsinese. Custodisce inoltre le spoglie di San Giovanni da Matera. 

La Casa-Grotta. Fino al 1957, epoca della riqualificazione, questa dimora accoglieva una famiglia di 10 persone e “animali da fattoria”. Si trova nel rione Caveoso, che conserva l’identità più autentica. Visitarla è affacciarsi da una finestra su un tempo e su uno stile di vita molto lontani. 

Il Palombaro Lungo. Il nome deriva dal latino “Plumbarius”, cioè: rivestire di piombo le tubature. Si tratta appunto di una enorme cisterna per la raccolta, la conservazione e la distribuzione dell’acqua. È un capolavoro di ingegneria idraulica adattata al territorio. Diversi metri di condotte e una capienza di circa 15 milioni di litri, garantivano la fornitura idrica per numerose famiglie. 

Casa Noha. È la residenza seicentesca della famiglia De Noha. Grazie al FAI è oggi un centro di informazioni turistiche multimediale. Sulle sue pareti si proiettano documentari sulla storia di Matera, prima e dopo lo sfollamento degli anni ’50. Un modo per ricordare e capire il passato.

I tour a tema

Completate le tappe da manuale? Bravo, il meno è fatto! Se ti chiedi ancora cosa visitare a Matera, preparati perché quello era solo l’antipasto. Ti proponiamo infatti dei tour a tema. In base ai tuoi gusti scegline uno e goditi l’esperienza. Se hai voglia e tempo falli tutti e completa la collezione!

Il sentiero dei luoghi di cultoIl capoluogo lucano raccoglie circa 150 siti differenti nell’area denominata Parco delle Chiese Rupestri del Materano. Si tratta di cripte, abazie ed eremi scavati in tutto o in parte nella roccia. A queste si aggiungono inoltre: basiliche, monasteri e cappelle di ogni dimensione, dislocate su tutto il territorio. Tu comincia da quelle principali, il resto verrà da sé. 

Il percorso delle aree naturali. La prima è Colle Timmari. Si tratta di un pianoro boscoso che ospita in parte abitazioni e attività ricettive. La seconda è il Parco della Murgia Materana. È un’oasi protetta con un grande patrimonio di flora e fauna. Il punto più scenografico è il Belvedere Timone. Da qui si gode un panorama spettacolare sui Sassi. La terza è la Riserva Regionale di San Giuliano. Qui c’è un magnifico bacino lacustre e vi dimorano circa 140 specie di uccelli. Tutte le zone citate sono perfette per escursioni, trekking, esplorazioni o anche semplici passeggiate. Molti turisti si avventurano in autonomia. Tuttavia è meglio rivolgersi a guide ed essere attrezzati. 

Il cammino dei Musei. Matera è pure ricca di aree museali molto interessanti. Ognuno di essi ha un pezzo di storia e di cultura locale da raccontare. Visitarli tutti sarà come completare un puzzle.

Cosa visitare a Matera: fuori dagli schemi

Eh no , la lista non è ancora finita. Aggiungiamo pure queste quattro chicche per rendere il tuo soggiorno materano indimenticabile e originale. Ecco cosa vedere a Matera fuori dagli schemi. 

La grotta dei Pipistrelli. Se speri di incontrare Batman resterai deluso. Però è un luogo di grande importanza archeologica ed ambientale. In pratica è un viaggio nel cuore della terra dove dimorano questi affascinanti mammiferi. Ti suggeriamo di avventurarti solo con guide esperte. 

MateraSum. È un ipogeo, per gli amici “sotterraneo”, da esplorare stile Indiana Jones è il tempio maledetto. Occhio allo sbalzo termico, meglio portarsi qualcosa di pesante perché li sotto si gela.

Parco Scultura La Palomba. Ex cava di tufo riconvertita a mostra artistica. Molte delle sculture metalliche presenti sono ricavate dai materiali di risulta delle Torri Gemelle a Ground Zero. 

I Sassi in miniatura. Nella bottega artigiana di via Fiorentini 82 ammirerai l’opera del maestro Rizzi. È una riproduzione perfetta dei quartieri Barisano e Caveoso, in una spazio di 12 mq.

Cosa fare a Matera di alternativo?

Tu non ti accontenti mai vero? Nonostante tutte le sue bellezze e monumenti Matera non riesce ancora a soddisfare la tua curiosità. Beh, meno male, a noi piacciono le sfide, quindi procediamo. Ecco un paio di idee che di certo solleticheranno il tuo interesse e non ti lasceranno deluso: 

Cine-tour. Il fascino particolare di Matera la rende una location perfetta per film di ogni tipologia, dai colossal storici alle pellicole horror. Infatti sono tanti i capolavorigirati proprio in questi luoghi. Ci sono diverse associazioni e agenzie locali specializzate proprio nei tour organizzati sui set più famosi. Altrimenti fai tu delle ricerche e trova da solo i posti resi immortali dai registi di ieri e oggi. 

Il Ponte Tibetano. Si tratta di un percorso per veri amanti della natura e dell’avventura. È un passaggio di corda e legno lungo circa 200 metri, sospeso sul torrente Gravina. Attraverso di esso si scala la Murgia fino al Belvedere Timone.

Eventi e appuntamenti

Ancora qualche dubbio su cosa fare o cosa vedere a Matera? Per fortuna abbiamo sempre degli assi nella manica. La città offre infatti un fitto calendario di eventi che si svolgono durante l’anno. Pure classiche commemorazioni come 25 aprile, 1 maggio e 2 giugno hanno un sapore differente. 

Inoltre il Natale, la Pasqua e la Pasquetta, in un luogo definito “La seconda Betlemme”, diventano momenti unici e suggestivi. Non sono certo da meno pure il Capodanno e il Carnevale. Per finire ecco i principali appuntamenti estivi che si tengono nel capoluogo lucano da maggio a settembre: 

Festa della Madonna Santissima delle Vergini. Si tratta di una delle più antiche celebrazioni della regione. Ha luogo il 28 maggio in cima alla Parco naturale della Murgia. Prima, durante e dopo la festività, Si svolgono numerose attività. Il tutto culmina con l’esibizione di fuochi pirotecnici. 

Festa della Bruna. Il 2 luglio Matera si sveglia all’alba e va a dormire solo a notte fonda. In questa giornata in pratica il sole sorge e tramonta nel nome della Madonna Protettrice della città. 

Sagra della Crapiata. È uno dei piatti tipici della tradizione contadina materana a base di legumi e cerali. Di solito si tiene nel mese di agosto con concerti e balli in costumi storici. 

Sant’Eustachio. L’altro Patrono di Matera ha un giorno tutto suo il 20 settembre. Si comincia con la messa solenne e si continua con la processione per le vie del paese. In quest’occasione hanno via diverse iniziative culturali e ricreative. Si va a caccia di sagre, mostre, fiere e mercatini. 

Ok, stavolta la lista termina davvero qui. Hai tutto quello che ti serve per un soggiorno che resterà scolpito nella pietra, anzi, nei Sassi. Buon viaggio e facci sapere come è andata in un commento.


Like it? Share with your friends!

541
541 points

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

What's Your Reaction?

hate hate
0
hate
confused confused
0
confused
fail fail
0
fail
fun fun
0
fun
geeky geeky
0
geeky
love love
0
love
lol lol
0
lol
omg omg
0
omg
Davide Bert

Giornalista pubblicista prestato al copywriting, dalla carta stampata alle pagine web. Ho iniziato a scrivere perché me lo ha consigliato lo psicanalista come forma di terapia, e lo faccio per lavoro così posso anche pagargli la parcella.
Choose A Format
Personality quiz
Series of questions that intends to reveal something about the personality
Trivia quiz
Series of questions with right and wrong answers that intends to check knowledge
Poll
Voting to make decisions or determine opinions
Story
Formatted Text with Embeds and Visuals
List
The Classic Internet Listicles
Countdown
The Classic Internet Countdowns
Open List
Submit your own item and vote up for the best submission
Ranked List
Upvote or downvote to decide the best list item
Meme
Upload your own images to make custom memes
Video
Youtube and Vimeo Embeds
Audio
Soundcloud or Mixcloud Embeds
Image
Photo or GIF
Gif
GIF format