Cosa vedere a Firenze: i monumenti più belli

La città del Giglio ha così tante meraviglie che non sai da dove cominciare? Stai sereno, ecco cosa vedere a Firenze dall’inizio alla fine.


Siamo onesti, decidere cosa vedere a Firenze è il classico dilemma amletico. Non si contano infatti i tesori artistici, architettonici, storici e culturali. Noi però ci proviamo lo stesso. Usiamo in pratica come riferimento “solo” l’elenco dei siti Unesco dichiarati Patrimonio dell’Umanità. 

Sugli attuali 1154 in 167 Paesi del mondo, il Belpaese è primo in classifica con ben 59. Inoltre 14 di essi si trovano proprio nella Culla del Rinascimento. Considera che la Cina, che è 31 volte l’Italia, è seconda il classifica con un totale di 56 meraviglie in lista. È il caso di dire orgoglio Tricolore!

Se oggi hai l’imbarazzo della scelta, la colpa e il merito sono in gran parte di quei mecenati illuminati che furono i Medici. Citiamo i nomi alla loro corte: Botticelli, Brunelleschi, Santi di Tito, Verrocchio, Michelangelo, Leonardo, Vasari, Sangallo, Buontalenti, Filippo Lippi e “Donnarumma” in porta! Scherzi a parte, torniamo a noi, dicevamo…cosa vedere a Firenze giusto? Ok, si parte.


Cosa visitare a Firenze assolutamente

Se non sai cosa vedere a Firenze comincia dai luoghi cult, must, top, basic…vabbè hai capito no? 

Piazza Duomo. Difficilmente troverai tanti gioielli tutti insieme. Il primo è la Cattedrale di Santa Maria del Fiore. È la terza basilica al mondo per dimensioni dopo San Pietro a Roma e St. Paul a Londra. Per “sfizio” cerca la scultura con la testa di toro, omaggio al contributo degli animali nei lavori. La leggenda però parla di una tresca tra il capomastro e la moglie di un commerciante. Scoperto il tradimento, l’uomo li denunciò pubblicamente. Allora per vendetta l’operaio pose la statua in bella vista come testimonianza indelebile della sua condizione di “cornuto”. 

A seguire, la Cupola del Brunelleschi, affrescata dal Vasari. Con i suoi 4 milioni di mattoni e 40mila tonnellate, è la volta muraria più grande del pianeta, capolavoro di architettura e ingegneria. 

C’è poi il Campanile di Giotto, ritenuto il più bello d’Italia. Finiamo con il Battistero di San Giovanni e con il Museo dell’Opera. Tutti e 5 i siti di interesse, fanno parte dello stesso polo museale.

Santa Maria Novella. Ospita la Trinità del Masaccio, il Crocifisso di Giotto e quello del Brunelleschi. 

Gallerie degli Uffizi. Se fosse un concerto? Sarebbe il Live Aid del 1985. Una squadra di basket? Il Dream Team del 1992. Custodisce infatti opere di: Leonardo, Michelangelo, Giotto, Caravaggio, Tiziano, Parmigianino, Rembrandt, Botticelli, Cimabue, Piero della Francesca, ecc. Nell’ottobre 2021, supera come miglior museo al mondo il Louvre e il Moma, per la rivista inglese Timeout.

Galleria dell’accademia. Meno famosa della cugina di fondazione medicea, però pure questa non scherza mica. Cosa vedere a Firenze che non c’è da nessun altra parte? Una delle possibili risposte è il David di Michelangelo che si trova proprio qui, insieme ad altre inestimabili creazioni.



I 5 palazzi che ne valgono 500

Prima il “dovere”, poi il piacere, cosa vedere a Firenze dopo spuntata la lista delle tappe obbligate? In soli 100 kmq ci sono circa 500 edifici storici. A noi però ne bastano 5, ma buoni: 

Palazzo PittiSimbolo del prestigio e del potere dei Medici. Dal piano terra al terzo piano incontrerai: il Tesoro dei Gran Duchi, la Galleria Palatina e la Galleria Moderna. La residenza comprende pure la Palazzina del Cavaliere e la Palazzina della Meridiana. Quest’ultima ospita i tre Musei della Moda, degli Argenti e della Porcellana. Circonda il complesso, il Giardino di Boboli

Palazzo Strozzi. È tra gli edifici in stile rinascimentale più belli di Firenze. Accoglie collezioni permanenti di altissimo valore e fa da contenitore per alcune delle mostre più interessanti in città.

Palazzo del Bargello. Edificio pubblico tra i più antichi della zona, teatro di eventi importanti e drammatici nel corso dei secoli. Oggi Museo Nazionale, accoglie la statua del David di Donatello. A proposito, a soli 100 metri da qui, in via Santa Margherita n.1, c’è la Casa di Dante Alighieri

Palazzo Medici Riccardi. Attualmente è sede del Consiglio metropolitano. Spicca la Cappella dei Magi, con il ciclo di affreschi di Benozzo Gozzoli e la Galleria Barocca con quello di Luca Giordano. 

Palazzo Vecchio. Che ne dici di un salto a Palazzo dei Priori o a Palazzo della Signoria? Magari poi si va a Palazzo di Piazza e concludiamo la passeggiata al Palazzo Ducale. Calma, si tratta sempre dello stesso posto! Ecco cosa vedere a Firenze per una full immersion nella sua storia politica. Tra le  mura: il Salone del ‘500, la Stanza degli Elementi e la Sala dei Gigli. Infine c’è la Loggia dei Lanzi con Il Perseo di Cellini e Il ratto delle Sabine del Giambologna.



Luoghi di culto e di cultura

Cosa vedere a Firenze ancora? Dai 5 palazzi principali passiamo alle 5 chiese più rappresentative: 

Chiesa di Santa Margherita dei Cerchi. Tutti la conoscono come la Chiesa di Dante e Beatrice. Questo pare sia il luogo del loro primo incontro e del loro rapporto platonico e segreto. I bigliettini sulla tomba di lei ne fanno un posto simbolo innamorati lontani e infelici di ogni epoca. 

Chiesa di Santo Spirito. Custodisce un Crocifisso ad opera (pare) di Michelangelo Buonarroti. Ospita inoltre la Madonna con Bambino e Santi: Giovannino, Martino e Caterina, di Filippino Lippi. 

Chiesa di Santa Croce. Conserva le spoglie di Michelangelo Buonarroti, Vittorio Alfieri, Galileo Galilei e Niccolò Machiavelli. Difronte c’è il monumento a Dante Alighieri di Enrico Pazzi. 

Chiesa di San Lorenzo. Cosa vedere a Firenze se non la sua più vecchia basilica? È nota pure come Cappella dei Medici. Infatti accoglie le 50 tombe della leggendaria dinastia, compresa quella di Lorenzo il Magnifico. Si divide tra Sagrestia Vecchia (opera del Brunelleschi) e Sagrestia Nuova (opera di Michelangelo). Contiene la Biblioteca Laurenziana, con preziosi papiri, libri e manoscritti. 

Chiesa di San Miniato al Monte. Si contende con San Lorenzo il primato di luogo di culto più antico della città. Presso il suo Cimitero Monumentale noto come “Porte Sante”, riposano personaggi noti della cultura storica e contemporanea. Tra i nomi più famosi: Eugenio Montale, Carlo Lorenzini detto Collodi, Vasco Pratolini, Giovanni Spadolini ed Enrico Coveri. 



Cosa vedere a Firenze gratis

Alt! Chi siete, cosa portate? Si ma quanti siete? Zero fiorini! Eh già, adesso parliamo di cosa vedere a Firenze senza spendere nulla. Per fortuna alcune delle cose più belle della città sono gratis: 

Ponte Vecchio. Con quello di Brooklyn, il Golden Gate, il Tower Bridge e quello di Rialto è tra i più famosi al mondo. È inoltre una delle immagini più iconiche del capoluogo, stupendo di giorno, spettacolare di notte. Occupato in origine da botteghe di fruttivendoli e macellai, si trasformò nella via dei migliori artigiani orafi e di gioielleria. È sede di molti uffici tra cui quello del Sindaco. 

Giardino delle Rose. Magnifico roseto che ne raccoglie circa 400 esemplari e un totale di 1200 specie vegetali. C’è inoltre un’oasi giapponese donata dal gemellaggio con la città di Kyoto.

Biblioteca delle Oblate. È pubblica, gratuita e ha una terrazza con una vista che toglie il fiato. 

Ville Medicee. Sono antiche residenze appartenute ai membri della casata toscana. Dal 2013, 12 di esse e 2 giardini (Boboli e Pratolino), sono Patrimonio dell’Umanità Unesco. Quelle all’interno del perimetro cittadino sono: La Petraia, Castello, Poggio Imperiale, Careggi e Cerreto Guidi. 

Farmacia di Santa Maria Novella. Ufficialmente è la più antica d’Italia, ufficiosamente la più vecchia d’Europa e forse pure del mondo. Tra i saloni riccamente decorati, c’è un piccolo museo di oggetti d’epoca, che testimoniano la storia della preparazione delle erbe officinali. 

Piazzale Michelangelo. Cosa vedere a Firenze di più bello che la stessa Firenze da una prospettiva unica? Qui in pratica sei sulla terrazza panoramica della città. La vista domina tutto centro storico fino alle colline di Settignano e Fiesole. Ci si arriva in auto, con la linea 12 del bus o anche a piedi, tramite le “Rampe del Poggi”, del quartiere San Niccolò.



Mercatini di strada

Bisogno di una pausa nel tuo tour dei monumenti di Firenze? Niente di meglio che una passeggiata tra le bancarelle dei tanti siti rionali disseminati per la città. Se non sai quali e dove sono, eccoli: 

Mercato Nuovo. Situato nella Loggia che gli dà il nome, offre abbigliamento e accessori. È noto per la “fontana del porcellino”, che poi è la statua di un cinghiale. Metti una monetina tra le fauci dell’animale, strofinagli il naso ed esprimi un desidero. Se cade dove scorre l’acqua, si avvererà. 

San Lorenzo. Il più importante, famoso per souvenir, articoli in pelle e alimentari di ogni genere. È attivo tutti i giorni tranne la domenica e il lunedì. (da Piazza San Lorenzo a Via Ariento). 

Mercato delle Pulci. Aperto tutti i giorni dalle 9 alle 19:30. Ci trovi mobili, quadri, monete natiche, gioielli e oggetti di antiquariato (Piazza dei Ciompi). 

Santo Spirito. Detto pure “la Fierucola” è uno Stand di prodotti eno-gastronomici biologici, aperto ogni terza domenica del mese (Piazza Santo Spirito). 

Mercato delle Cascine. Il più grande all’aperto, sta nell’omonimo parco tutti i martedì mattina dalle 7 alle 14. Ci trovi cibo fresco, street food, biancheria per la casa, articoli nuovi e usati.

Sant’Ambrogio. Un punto di riferimento per comprare frutta e verdura di stagione, però pure fiori, scarpe, vestiti e pesce fresco. Vacci tutte le mattina dalle 7 alle 14 (Piazze Sant’Ambrogio e Ghilberti). 

Ora sai cosa vedere a Firenze quasi meglio di un “indigeno dalla C aspirata”. Se ti va di ricambiare il favore, lasciaci un commento.


Like it? Share with your friends!

538
538 points

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

What's Your Reaction?

hate hate
0
hate
confused confused
0
confused
fail fail
0
fail
fun fun
0
fun
geeky geeky
0
geeky
love love
0
love
lol lol
0
lol
omg omg
0
omg
Davide Bert

Giornalista pubblicista prestato al copywriting, dalla carta stampata alle pagine web. Ho iniziato a scrivere perché me lo ha consigliato lo psicanalista come forma di terapia, e lo faccio per lavoro così posso anche pagargli la parcella.
Choose A Format
Personality quiz
Series of questions that intends to reveal something about the personality
Trivia quiz
Series of questions with right and wrong answers that intends to check knowledge
Poll
Voting to make decisions or determine opinions
Story
Formatted Text with Embeds and Visuals
List
The Classic Internet Listicles
Countdown
The Classic Internet Countdowns
Open List
Submit your own item and vote up for the best submission
Ranked List
Upvote or downvote to decide the best list item
Meme
Upload your own images to make custom memes
Video
Youtube and Vimeo Embeds
Audio
Soundcloud or Mixcloud Embeds
Image
Photo or GIF
Gif
GIF format