Cosa fare alle Maldive: le esperienze shock più belle

Se sei un tipo anticonvenzionale ti starai chiedendo cosa fare alle Maldive oltre a goderti sole, mare e relax. Eccoti servito.


Trovarti in uno scenario esotico da cartolina non ti basta, vuoi ancora di più. Tu cerchi un’esperienza di viaggio che riesca a suscitare l’invidia di tutti quelli che conosci, vero? Allora affidati come sempre a noi e ti diremo cosa fare alle Maldive per rendere la tua vacanza più intensa che mai.

Quando andare alle Maldive: scegliere la stagione giusta

Dunque dove eravamo? Ah già, desideri sapere cosa fare alle Maldive per diventare una leggenda, dentro e fuori dai social. Però prima è necessario che tu sappia qual è il periodo migliore per andarci. Qualcuno potrebbe dirti che in un simile paradiso non fa alcuna differenza, ma non è proprio così. 

Hai presente l’espressione “non c’è più la mezza stagione”? Bè qui ce ne sono soltanto due, quella secca e quella umida. La prima va da dicembre ad aprile, la seconda da maggio a novembre. Tra le due poco cambia in quanto a temperatura dell’acqua. 

L’oceano è praticamente una piscina che oscilla tra i 28° e i 34°, mentre l’umidità è tra l’80% e l85%. Il problema è la pressione atmosferica, piuttosto bassa per la prossimità con l’equatore. Ciò rende facile l’addensarsi di nuvole, con temporali spesso violenti e mare agitato. 

Le piogge sono più frequenti nella stagione umida, e di solito possono durare dai 3 ai 5 giorni. Quindi se hai prenotato in questo periodo non dovrai più domandarti cosa fare alle Maldive, perché tanto sarai obbligato passare la tua vacanza in camera.


Il momento migliore per partire

A questo punto è chiaro che “Natale alle Maldive” non è il titolo del prossimo cine-panettone, ma il momento più indicato per partire. È chiaro che l’alta stagione, cioè quella secca, è anche quella più cara. I prezzi salgono alle stelle in corrispondenza delle festività occidentali del 25 e del 31 dicembre.

Il trucco è giocare d’anticipo. Devi cioè prenotare già a luglio, magari per trovarti lì a gennaio o a marzo. In questo modo potrai “salvare la capra ubriaca mentre la moglie porta la botte piena di cavoli!”. Vabbè forse abbiamo fatto un po’ di confusione con i proverbi ma il succo si è capito lo stesso.

Se hai più giorni da trascorrere puoi permetterti di rischiare scegliendo stagione umida. Magari ne sacrificherai 2 o 3 col maltempo ma potresti aggiudicarti dei veri affari. Tieni conto però che luglio è il mese più piovoso in assoluto. Ottobre è quello in cui le giornate sono più corte e quindi con il minor numero di ore di sole.

Cosa fare alle Maldive: attività che meritano di essere raccontate

Abbiamo assodato che la tintarella, le passeggiate, i percorsi benessere e i cocktail sulla spiaggia non saziano la tua voglia di avventura. Allora, proprio perché sei tu abbiamo pensato a cosa fare alle Maldive che di sicuro merita di essere raccontato.


  1. 1 Nuotare tra mante e squali balena

    Entrambe le specie marine sono innocue se le lasci in pace. Anche se non rischi di essere divorato l’adrenalina è comunque garantita. I migliori siti dove provare questa esperienza sono gli atolli di Ari e di Baa.


  2. 2 Ammirare gli squali martello che nuotano in branchi

    Immergiti e guarda verso la superficie questi bellissimi esemplari che passano come flotte di aerei sotto un caleidoscopio di riflessi. La zona più indicata per questo spettacolo è denominata apposta “Hammerhead”, nell’atollo di Rasdhoo.


  3. 3 Scattare foto da un idrovolante

    Da queste parti sono un po’ come dei taxi, che ti portano da una parte all’altra delle isole. La vista dall’alto è assolutamente magnifica, ammirando l’arcipelago in una prospettiva da vertigine.

  4. 4 Assistere ad una performance di Bodu Beru

    No, non ci siamo inventati questa parola, si tratta di un’esibizione di percussioni e danze tribali a cui prendono parte solo uomini.

  5. 5 Uscire per una battuta di pesca notturna

    Il fitoplancton bioluminescente produce un effetto scenografico davvero suggestivo, come guardare Los Angeles di notte. (Qualcuno per caso ha detto Chicago?...).


  6. 6 Provare il cibo locale

    Dopo tutte queste emozioni, cosa fare alle Maldive se non prendersi una pausa e dedicarsi alla buona tavola? La cucina maldiviana è frutto di diverse contaminazioni gastronomiche. 

    Essa ha infatti assimilato culture vicine come quella africana, araba, persiana, indonesiana, melese e srilankese. Ti consigliamo di assaggiare il Mashumi, piatto preparato con tonno, cocco, peperoncino verde e cipolla. Un'altra specialità tradizionale è il Theluli, una gustosa frittura a base di pesce, accompagnata con vino di palma.


Immersioni subacquee Maldive

Cosa fare alle Maldive con un mare così bello a disposizione? Facile, esplorare il fondale alla scoperta di uno spettacolare mondo sottomarino. La flora e la fauna sommersa sono di una bellezza e ricchezza unica al mondo. 

Tra distese di coralli, spugne e stelle marine la vita brulica di: tartarughe, barracuda, squali di diverse specie, meduse, murene, mante, coloratissimi pesci tropicali, polpi, ecc. Ogni resort e quasi tutte le guesthouse sono attrezzate per questo tipo di attività, con istruttori esperti e accreditati. 

Anche in questo caso è bene tenere conto del clima. La stagione migliore per immergersi sul versante est è quella secca. Infatti il vento che soffia da nord-est genera una corrente che porta acqua limpida nella zona occidentale. 

Viceversa nella stagione umida il vento che soffia da sud-ovest ripulisce l’acqua sul lato orientale. Però ricordati che questo periodo è anche il più instabile in quanto a piogge e mare mosso. 

Rammenta alcune regole fondamentali prima di metterti la muta. Qui non è consentito scendere ad una profondità superiore ai 30 metri. Non bisogna dare da mangiare o toccare i pesci né il corallo. In primo luogo per non rischiare di essere aggrediti. In secondo luogo per non alterare il prezioso ecosistema della zona. 

Vuoi un paio di dritte su cosa fare alle Maldive per organizzare delle immersioni speciali? Allora ti consigliamo di chiedere agli istruttori di condurti in alcuni dei contesti più affascinati in questo tipo di escursioni. Stiamo parlando delle Thila e dei Kandu

Le prime sono formazioni coralline che si ergono verso l’alto fino ad arrivare anche a 5 metri dalla superficie. I secondi sono passaggi che collegano le lagune interne degli atolli con il mare aperto. Entrambi sono punti di immersione da togliere il fiato (ma tanto tu hai le bombole).


Guida ai siti più spettacolari per il diving

Quando si parla di cosa fare alle Maldive per le attività di diving va chiarito subito che da queste parti i posti belli si sprecano davvero. Elencarli tutti sarebbe come darti la lista delle pizzerie di Napoli. Però noi abbiamo raccolto i principali 4, un po’ come Notre-Dame, Louvre, Tour Eiffel e Arc de Arc de Triomphe a Parigi.


  1. 1 Atollo di Male Nord

    Incredibile in quanto a varietà morfologica, un vero labirinto di cunicoli, sporgenze e strapiombi. In quest’area ti segnaliamo la zona denominata Banana Reef, tra i siti di diving più famosi al mondo.


  2. 2 Shipyard

    Quest’area è localizzata nel canale che divide le due isole di Gaarifaru e Felivaru. Qui si trova il famoso “cimitero delle navi”. Il sito è chiamato così perché accoglie i relitti di due pescherecci. 

    Molto particolare è la posizione in cui i due natanti “riposano” nel silenzio dell’oceano. Uno poggia su un fianco mentre l’altro è affondato verticalmente (tipo Titanic), con la prua che sporge sulla superficie dell’acqua.


  3. 3 Atollo di Baa

    Fa parte della Riserva Biosfera UNESCO ed è conosciuto come uno dei siti di snorkeling più belli del pianeta. Degna di nota in particolare è la zona di Hanifaru Bay.

  4. 4 Atollo di Ari

    È impareggiabile per la ricchezza di coralli e grotte. Imperdibile una visita alla secca di Maaya Thila, dove è possibile effettuare immersioni notturne e ammirare branchi di piccoli squali pinna bianca. 

    Sempre in questa zona va segnalato il sito di Kalhahandi kandu, soprannominato il “panettone” per via della sua particolare forma evocativa.


Maldive: luoghi di interesse

Cosa vedere alle Maldive oltre a stupendi tramonti e paesaggi incantevoli? Anche se non ti trovi esattamente a Firenze o a Roma, non mancano certo i luoghi di importanza storica. Eccoti quindi una piccola guida alle principali attrazioni culturali del posto.

  1. 1 Moschee e musei

    Nella capitale Male puoi visitare il National Museum, il Parco del Sultano e i principali centri di culto di un paese a prevalente di religione islamica. Stiamo parlando dell’Old Friday Mosque, accessibile solo ai musulmani. 

    C’è poi la Grand Friday Mosque, aperta al pubblico al di fuori degli orari di preghiera, ma non è possibile scattare foto all’interno. Sempre qui si può visitare e porre omaggio allo Tzunami Monument, il monumento eretto per commemorare le 227.898 vittime del disastro naturale del 2004.

  2. 2 L’isola di Utheemu

    Patria di Mohammed Thakurufaanu, personaggio chiave nella guerra di liberazione dal Portogallo del XVI secolo. In questo luogo, situato nell’atollo di Haa Alifu, c’è un monumento e una biblioteca a lui dedicata come eroe nazionale.

  3. 3 Il centro abitato di Kanditheemu

    Qui, nell’atollo di Shaviyani sorge una moschea dove è custodita la più antica testimonianza di scrittura thaana, risalante al XVI secolo.

  4. 4 L’isola di Landhoo

    Collocata nell’atollo di Noonuè, questo luogo è molto importante dal punto di vista archeologico. Infatti si trovano i resti di un “hawitta”, megalite realizzato dall’antica popolazione dei Redin, la prima insediatasi nelle Maldive nel 2mila Avanti Cristo.


Male Maldive

Devi andarci assolutamente, intendiamo dire che qui si trova l’aeroporto, quindi ci passerai per forza. Scherzi a parte, tra le risposte alla domanda “cosa fare alle Maldive?” di certo c’è: visitare la capitale Male. L’atmosfera di questa città si discosta parecchio dal classico scenario degli atolli, ma ha un suo “perché” che vale la pena di scoprire. 

Le note più spiccate sono le caratteristiche stradine e vicoli, i pittoreschi e affollati mercati di pesce, frutta e verdura. Mentre sei a zonzo ti suggeriamo di goderti una piacevole sosta nei tipici teashop che troverai lungo la strada. Poi potrai proseguire la visita tra negozietti e bazar. 

Qui si possono distinguere 4 quartieri principali. Machangolhi è quello commerciale, e comprende anche Singapore Bazar e Himmafushi, le zone dello shopping e dei souvenir. Poi c’è Galolhu, dove si concentrano i fabbricati residenziali. Per finire ci sono Maafannu e Henveiru, rispettivamente la zona degli uffici e dei cantieri navali. 

Non per vantarci ma siamo stati bravi anche questa volta. Adesso che sai esattamente cosa fare alle Maldive da dove comincerai? Come di consueto ti chiediamo solo di lasciarci un commento, perché ci teniamo a sapere come è andato il viaggio.


Like it? Share with your friends!

547
547 points

0 Comments

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

What's Your Reaction?

hate hate
0
hate
confused confused
0
confused
fail fail
0
fail
fun fun
0
fun
geeky geeky
0
geeky
love love
0
love
lol lol
0
lol
omg omg
0
omg
Davide Bert

Giornalista pubblicista prestato al copywriting, dalla carta stampata alle pagine web. Ho iniziato a scrivere perché me lo ha consigliato lo psicanalista come forma di terapia, e lo faccio per lavoro così posso anche pagargli la parcella.
Choose A Format
Personality quiz
Series of questions that intends to reveal something about the personality
Trivia quiz
Series of questions with right and wrong answers that intends to check knowledge
Poll
Voting to make decisions or determine opinions
Story
Formatted Text with Embeds and Visuals
List
The Classic Internet Listicles
Countdown
The Classic Internet Countdowns
Open List
Submit your own item and vote up for the best submission
Ranked List
Upvote or downvote to decide the best list item
Meme
Upload your own images to make custom memes
Video
Youtube and Vimeo Embeds
Audio
Soundcloud or Mixcloud Embeds
Image
Photo or GIF
Gif
GIF format